Il lotto 49 e la fine delle certezze

GARLIC ADDICTED

Libera.mente

 

 

Siamo tutti chi piu’ chi meno schiavi dei parassiti quelli che ti entrano dentro e scavano  lunghe caverne dove non c’è spazio, energie  o luce.

L’aglio, anziano di  7000 anni, conosciuto dai Faraoni e chiamato dagli amici colti ‘Allium sativum’, fa’ un sacco di cose.

In India o Italia lo usi in gran quantità, lo appendi  alle porte, lo cuoci,  pure le lunghe foglie verdi  o  la buccia secca. Lo friggi, lo schiacci, lo fai fermentare, lo pianti in orto sinergico per allontanare  i parassiti naturalmente.

aglioL’aglio ha dell’antibiotico dentro contro il proliferare di  infezioni e ti tira su se le cellule si ammalano, allontana vampiri di passaggio e presenze non grate, ti lascia  un sapore forte in bocca che se ne viene via se lo abbini al prezzemolo, ci fai il pesto magari.

Erri scrittore  pare ne mangi tanto,  spesso  diventa D.O.P,  pungente bomba sovversiva che…

View original post 34 altre parole

ILLUSIONI OTTICHE

Roma – Legge anti-movimenti, Pd diviso.
Finocchiaro insiste: “E’ utile”
Assolutamente irremovibile è Anna Finocchiaro che, respingendo con fermezza l’accusa di aver presentato un testo per escludere M5S, ha spiegato che il disegno di legge ha lo scopo di esercitare un controllo sui finanziamenti ai partiti. “Per quanto mi riguarda – ha detto Finocchiaro – il testo non verrà ritirato”.

Traduzione: non è detto che questa legge la passiamo, però intanto la teniamo nel cassetto, e se ci verrete a rompere le scatole con le storie sull’ineleggibilità, sul finanziamento pubblico ai partiti, sulle liste pulite, vi facciamo fuori.
Mah, puzza di avvertimento mafioso lontano un miglio. E poi dicono che ho dei pregiudizi…

Caserta – La miss picchiata dal compagno
«Lo perdono e torno con lui»
La ventenne di Macerata Campania ricoverata da una settimana all’ospedale di Caserta dove lunedì scorso ha subito l’asportazione della milza in seguito ai colpi ricevuti dal suo compagno, ha rilasciato ieri una intervista al Corriere del Mezzogiorno per dire che lei quel ragazzo lo ama e che vuole tornare con lui.

Un ennesimo caso di malasanità. E’ evidente che durante l’intervento chirurgico per l’asportazione della milza le è stato leso irrimediabilmente anche un altro organo. Pazienza, succede…

Trieste – Parcheggi selvaggi a Bioest, multe a raffica, automobilisti imbufaliti

È perlomeno ovvio che a una manifestazione, in un parco cittadino, tutta dedicata all’agricoltura biologia e all’artigianato biocompatibile ci si rechi in automobile e che la si lasci nel giardino interno, tra gli alberi. Solamente a quei talebani ecologisti con la divisa da vigile urbano poteva scattare l’istinto giustizialista di multare chi difende il suo sacrosanto diritto di parcheggiare dove cazzo gli pare.

Palermo – Tonno avariato, cento ricoveri.
La polizia indaga sul pesce infetto
La chiamano “Sindrome da sgombroide” e negli ultimi quattro giorni avrebbe colpito più di 200 persone nel solo capoluogo, tutte con i sintomi di una grave intossicazione alimentare. Sul banco degli imputati una mega partita di tonno avariato, venduto a prezzi stracciati in numerose pescherie della città. Difficoltà respiratorie, tachicardia, senso di nausea e gravi irritazioni cutanee, simili a delle vere e proprie ustioni, sono tra i malesseri più comuni riscontrati sui pazienti. Il tonno sarebbe stato venduto nelle zone più diverse della città, dalle bancarelle di Ballarò…

Ma che strano, anche a me Ballarò fa lo stesso effetto: nausee e irritazioni. Si vede proprio che anche loro ne presentano di merce avariata.

Usa, lettere con veleno inviate a sindaco New York
Trovata ricina dentro alcune buste indirizzate a Michael Bloomberg con minacce riferite al suo impegno contro la grande diffusione di armi negli Stati Uniti

Ancora una volta i trogloditi americani dal grilletto facile dimostrano la loro ignoranza. Non minacce ma elogi dovevano inviare al sindaco, giacché “le parole melate sono veleno”, e così avrebbero raggiunto il loro scopo.

Trovato sangue di mammut
Clonazione più vicina
Si tratta di una femmina di 50-60 anni rinvenuta in un’isola dell’arcipelago Ljachov nel mar di Laptev

Cominciamo male. Essendo una femmina, rivelarne l’età è da maleducati. Una volta riportata in vita avrebbe tutte le ragioni per risentirsi. Da diecimila anni non esistono più le buone maniere…

Pubblicato su Freak, Info. 1 Comment »

SONO UN ATTIMO FUGGENTE (mi chiamo Brug)

In questi anni trascorsi dentro una veste umana sul pianeta terra per confondermi senza farmi notare, sono entrata, viaggiando soprattutto di notte, in molte condizioni e forme di vita che mi hanno permesso di imparare e sentire che cosa si prova obbligati e assoggettati a forme di patimento più o meno profondo. Qui si chiama empatia, partecipazione, comprensione o compassione che nel suo stretto significato è “patire insieme” e quindi racchiude un po’ tutte le parole precedenti.

Consumo quindi  il mio essere “attimo fuggente” cercando di comunicare e scambiare la conoscenza con altre forme di vita che incontro durante il cammino. Non è un compito facile soprattutto perché devo muovermi  silenziosamente celandomi, a differenza di  subissi oracoli, profeti, santi o istrioni che attraggono le folle con suoni clamorosi e colori vistosi.

Chiamarsi “nessuno” in mezzo a strepitose insegne luminose può evitare di essere pestati da giganti Polifemo dall’occhio chiuso e…

View original post 64 altre parole

ricchi di povertà

Libera.mente

Consuma produci crepa, jingle di antichi ricordi di giovinezza.

 

Non si butta definitivamente piu’ nulla, Il riciclo è ovunque ormai.

Vedo file di uomini e donne con valigie, carrelli della spesa, bustoni e bustine.

A Vicolo Savelli  è sabato e c’è il mercato di chi poco  ha e forse sempre meno avrà. Si va là per trovare, comprare, smerciare e poi rovistare  in quello che è stato abbandonato. Sono stranieri ma anche italiani alla ricerca di qualcosa che passerà di nuovo di mano in mano, le cose che non appartengono ma poi sono di tutti.

Comunque sono arrivata tardi. E’ rimasto poco, ma a terra ancora di  tutto, anche marea di vecchi bollettini di cc, quelli rossi.

 

Io ho incontrato   due rom,  adulti Hansel e Gretel, Hansel sulla spalla ha un enorme sacco dal quale, mentre cammina, fa cadere a terra  oggettini di varie sonorità. Non si  ferma…

View original post 64 altre parole

La metro del sabato sera

Gatto Atlantico

Che non amo guidare lo sanno tutti. Ho preso tardi la patente, un po’ spinta da varie pressioni e comunque non mi rassegno a passare la mattina a bestemmiare sul lungotevere per poi cercare per un’ora il parcheggio in zona rimozione, pagare multe, bolli, benzine e assicurazioni. Preoccupandomi di tamponamenti graffi, tergicristalli e lavavetri che si avventano ad ogni semaforo sulle donne perché ‘credono’ che siano più buone.

No no. Tanto meglio fare un’altra ora di sonno sui mezzi pubblici.

È che me lo posso permettere: ho sempre abitato in centro io e anche per raggiungere il lavoro i mezzi ci sono. Fatiscenti. Puzzolenti. In condizioni sempre più indecenti. Ma ci sono. E io li preferisco. Preferisco anche andare a piedi.

Poi spesso, il sabato sera prendo l’ultimo metrò a l’una e mezza. Scendono in tanti alla mia fermata perché lì ci sono i locali. Proprio dietro casa mia. E…

View original post 486 altre parole

compromessa alla bellezza

Libera.mente

Oggi troppo freddo, troppa corsa per arrivare puntuale al cinema, troppe cose da fotografare,  il peso della macchina con me  ma niente occasione di tempo propizio.

 

Oggi ho incontrato quel pensiero intenso di significato: la bellezza è l‘ultima a morire.

Pure se ci pare privo di senso, tutto scorre così è, così sara’, verrà a mancare qualcuno, un tradimento, di quello che sarebbe potuto essere e non è stato, un’altra vita e i rimorsi e le ambivalenze.

Queste di apparire e non essere o apparire di essere senza apparenza.

Ironia e ipocrisia, non riuscire, mancanza di dire il bisogno di esserci.

 

Ho visto il film di Paolo Sorrentino, piace o non piace, come puo’ essere gradita la peperonata o la parmigiana, pietanze cariche di tanto con tempi lunghi da digerire e  non per tutti i palati.

 

Uscita confusa, ma appagata, sul percorso della visibilità, ho trovato l’ascoltatore…

View original post 142 altre parole