Inro & che bellezza!

Libera.mente

Dicono che la bellezza sia ideale soggettivo e assai relativo ma era proprio  quella che andavo cercando io,  con 10 anni di meno, vagando per le vie di Takayama, Giappone.

Trovata là,  nel museo di questi Inro, scatolette  un tempo, 2-4 secoli fa, contenenti tabacco o polveri mediche (veleni?).

L’ho visitato con attenzione e immediato innamoramento, senza distrazioni, credo fossi unica visitatrice, oltre  unica con  fattezze occidentali poco viste allora (pure ora) da quelle parti.

 

Per me, folgorata dalla bellezza del particolare, questi oggettini corrispondono in pieno al rapporto che io ho con le scatole: sempre fortemente simbolico. Diversi esseri amati in un modo  o in un altro, me ne hanno fatto dono, non so perché.

Nelle scatole io contengo ideale di bellezza, armonia.

 

Poi questo non è (attuale), appunto,

 dove si è cacciata la meraviglia dello stupore da bellezza?

(da chiederselo tre volte al giorno…

View original post 64 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: