LA CAPANNA DELLO ZIO TOM

Probabilmente, smentendo me stessa, sono assai più fiduciosa nell’umanità di quanto io creda. E, puntualmente, certa umanità mi riporta verso la diffidenza che da sempre nutro.

Pensavo che ormai da decenni in Italia avessimo superato forme di razzismo, antiquate e anacronistiche, verso le persone con la pelle nera. Invece mi devo tristemente ricredere ascoltando le cronache di questi ultimi mesi: cori razzisti negli stadi verso i giocatori neri (persino il semidio Mario Balotelli ne è stato vittima) e l’ultima assurda ma anche grottesca scena del lancio di banane verso Cecile Kienge a Cervia.

Giuro e ripeto “giuro” pensavo che taluni retaggi di negativa educazione  fossero ormai caduti in totale disuso da parecchi anni. Invece sembra siano ancora vispi e rampanti in parecchie teste di pietra che non saprei come definire se non come “sottoprodotti del regresso culturale”.

Non aggiungo altro perché credo sia già stato detto parecchi, dico soltanto che…

View original post 48 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: