GOLA PROFONDA: IL TRADIMENTO

Ieri sono andata in città per sbrigare alcune pratiche relative alla mia spinosissima situazione lavorativa.
C’era mercato in Piazza Duomo, perciò mi ci sono ficcata dentro poiché erano anni che non mi succedeva di essere in libertà come adesso.
Passando davanti a una rinomata gelateria situata proprio nella piazza non ho resistito al richiamo della gola profonda, così sono entrata per acquistare un po’ di dolci che ancora non conoscevo. Ho portato a casa l’assortimento completo dei semifreddi monoporzione (grandi come una coppetta media di gelato): otto gusti diversi, quindi otto coppette che pensavo di sbafare metà a merenda e metà dopo cena come dolce.
Tutto nella norma dirà chi conosce la mia ormai mitica voracità “dolcifera”.
E invece no, questa volta devo confessare di aver trovato il dolce che riesce a mettermi alla prova. Convinta di spolverare le otto coppette senza battere ciglio (visto che normalmente mangio mezzo chilo…

View original post 252 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...