Che poi

Gatto Atlantico

Che poi in serate come questa ti rendi conto che basta un soffio di vento, una piuma di gabbiano che ha perso la strada e che a rallentatore si poggia sulla tua spalla, a farti sentire il peso di un qualche universo che non conosci. La sento questa crisi e questa inquietudine, la sento sulle spalle, la vedo negli occhi della gente, nelle rughe che fanno capolino nei visi più lisci, nelle influenze che raggiungono gli esseri più sani.
E tutto questo, in serate come questa, mi ammala. Mi crea solchi nel cuore, mi appesantisce la testa come quando la pressione decide di posare un mattone di calcestruzzo sulla mia testa.
In sere come questa capisco sempre qualche verità.
In sere come questa chiedevo a Stelio di salire in macchina e di portarmi in giro. Vagavamo per la città fino a notte inoltrata. Quasi sempre in silenzio. Più spesso con…

View original post 63 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: