Miseria e ignobiltà

La povertà è carenza di mezzi, alla quale si può opporre una dignitosa accettazione e la volontà di riscatto.
La miseria è inadeguatezza di mezzi, alla quale spesso si accompagnano livore, invidia e spregiudicato spirito di rivalsa.
Quando un paese precipita in una miseria etica e sociale tale da ridursi a portare in dote le lacrime dei derubati e il sangue degli assassinati, si può ben dire che è un paese di merda, checché sentenzino le istituzionali divinità maya, e coloro che per quieto vivere accettano di buon grado questo immondo baratto, per affinità altro non sono che una manica di stronzi.
.
.

Annunci
Pubblicato su Vita. Tag: , . 4 Comments »

Se chiudo gli occhi non sono più qui

Libera.mente

Cerco di non sentire dolore

Resisto

Sono giovane

O sono vecchio

In equilibrio precario

Muoio e vivo

Mi ribello e cedo

Trovo uno spazio tra le stelle

 

 

Questo film racconta e

muove corde di emozione che risuonano

come quei sassi di fine scena nel fiume.

Ognuno, come sempre, ha i suoi di sassi da portare,

poi ci trova su le domande o le risposte che vuole.

 

Non sempre capita di trovare poesia al cinema (italiano),

qui sì e non si compra ad etti.

Questo film è scritto assai bene, gli attori ‘centrati’, molti non sono professionisti.   Pare ci abbia messo 5 anni per compiersi. Vittorio Moroni, regista et co-sceneggiatore, ha animo speciale,  già visto Eva ed Adamo 

e a fine film (io mi nutrirei a pane e filmdocumentari) ricordo

avevo avuto in dono dal regista un fotogramma della pellicola   conservato ora  da qualche parte.

quando manca un…

View original post 77 altre parole

MOSCHE AUTUNNALI

Canio e i tragici friarelli

Gatto Atlantico

canio

Oggi vi racconterò la gastritica tragica fetosa e lenta storia di Peppe Santillo.

E chi è Peppe Santillo?

Peppe Santillo è uno di noi, uno qualunque di noi. Vive in una qualche zona del sud, forse campana, forse lucana.

Non lo sappiamo: non sappiamo da dove viene ma a differenza dell’uomo in frack sappiamo dove va:

A Foggia.

Si è svegliato all’alba. Si è bevuto un caffè preparato a sera… però attenzione: non è un caffè già fatto: Peppe ha solo preparato la macchinetta prima di andare a dormire…

E poi si è avviato con la sua auto.

E l’auto di Peppe è un po’ come i suoi occhiali non firmati: non ha il navigatore, ha problemi con la distribuzione e minaccia ogni momento di lasciarlo a piedi.

Perché ha un grave problema

(secondo Peppe)

alla pompa.

E mentre Peppe si perde vicino a Candela, perché…

View original post 526 altre parole

Domani è carnevale

Libera.mente

domani è carnevale

e io metterò quella maschera

per ritrovarti ancora nuovamente antico

domani tutto può

con il sole  e la luna

domani balliamo

fino alla fine dei balli 

lì dove ti affacci su quelle montagne di cime e valli piene

domani cantiamo

giocando su quel motivo che ci rende forti e coraggiosi

domani apriamo le finestre per far passare aria

e riguardiamo i nostri costumi e travestimenti,

i tuoi spesso sono stati migliori dei miei

ma anche da joker irato

ho riso

tanto

domani è carnevale

View original post

Perché noi ci divertiamo così!

Sacro & profano

Libera.mente

Tra

Sacro e profano

Evvabbè so duale

ma mica me piace

me ce devo adattà

 

Essere due al prezzo di uno è roba sopraffina

che ci rende l’anima come quella corda di violino

se la prendi male stride e basta.

 

I miei propositi sono saggi:

si tratta di riaccordare strumenti e

ripartire sempre da capo vicino allo zero

cercare tra corpo e cuore quel ponte

che non sia solo dei sospiri.

Canterò ho deciso,

dirò tutta la verità

nient’altro che la verità, sia la volta buona che la banda di Gambadilegno non trovi piu attrattive nei miei confronti,

sarebbe pure ora.

Tagliamo i ponti con  40 ladroni usurai mitomani addetti a sostanze troppo stupefacenti o parolai venditori di stracci et fumo

 

e ritroviamoci   da quelle parti del cuore dove c’è pure un corpo che desidera

ma desidera bene e bellezza corrisposta

e non dubbio e resa ambigua

View original post 24 altre parole