QUA LA ZAMPA

QUA LA ZAMPA.

viaQUA LA ZAMPA.

Annunci

Un cerchio lungo cinquemila anni – (tre anni dopo)

L’estate è tempo di repliche, ma non è questo il caso di questo post che pubblicai per la prima volta tre anni fa. Sono gli eventi di adesso che mi stanno dando, purtroppo, ragione, e che rendono attuali queste amare righe.

Il vecchio fissa quel che gli resta da vivere. E’ indubbiamente poco, ma egli non sa decidersi se ciò dipenda dalla sua età, oppure se la causa sia la cataratta ormai quasi opaca. Il futuro è fosco, e l’orizzonte si perde in una nebbia indecifrabile.
Un tempo sì che ci vedeva bene, lontano, meglio di un falco. La sua vista allora era acuta, penetrante, e gli permetteva di arrivare là dove altri nemmeno si arrischiavano a guardare, imprigionati nelle loro ottuse paure da una dotta ignoranza.
Ecco che torna a sentire il peso di quel bagaglio traditore, uno zaino riempitosi giorno per giorno, leggero al mattino della vita, grave al tramonto, insopportabile e geloso: la memoria.
Quando giunsero per la prima volta in quelle terre, ne presentirono una sorta di magia, inspiegabile appunto se non con un incantesimo gettato su tutti loro. Non era niente di speciale: dal mare, più spesso minaccioso che invitante, emergeva quell’angolo brullo e tormentato, approdo di anime sempre inquiete e pronte a partire.
Nei ricordi del vecchio resistono gli antichi racconti di coloro che erano tornati da viaggi avventurosi, cronache spesso infarcite di esagerazioni, storie avvincenti anche nella tragedia, affascinanti per i giovani, com’era lui allora, struggenti per le vedove e gli orfani, consolatorie per i vecchi, com’e lui adesso, ma ormai niente più ritorni, niente più racconti, solamente la voglia di andarsene, per sempre.
Capita spesso di rimpiangere il mondo di un tempo, di considerarlo migliore di quello corrente, mentre, in realtà, altro non si fa che rimpiangere la propria giovinezza, quando si sarebbe capaci di trovare della grazia anche nello sterco caldo. In questo caso invece la nostalgia è più che giustificata.
Arrivarono lì, lui e la sua numerosa famiglia, e si sistemarono come meglio poterono. Non dovendo nulla a nessuno, né a caste superbe, né a gelosi padroni, ebbero modo di dare sfogo alla loro inventiva, cercando di rendersi liberi dalla fame e dalla paura. Ma non solo.
Riposti gli attrezzi da lavoro, chiusi gli animali nei recinti, placate le necessità fisiologiche, invece di passare il tempo a schiantarsi di vino e di sesso, si interrogarono l’un l’altro, e poi anche sé stessi, su cosa stessero a fare lì, e perché.
A loro non bastava dissetarsi quando avevano sete, né scaldarsi quando avevano freddo. Loro volevano capire cos’era l’acqua e cos’era il fuoco, perché fossero così diversi e incompatibili, e come mai l’aria fosse così lieve e la roccia così dura.
Il vecchio sorride ripensando alle teorie che gli toccò udire da giovane, alle risposte bizzarre, ai continui ripensamenti, agli inevitabili errori di gioventù dettati dalla foga e dall’inesperienza. Ma, per ogni errore inconsapevole c’era, tra la sua gente, sempre qualcuno che si intestardiva a farlo notare, a correggerlo, a offrire una spiegazione diversa, corretta, almeno fino alla smentita successiva. E forse fu proprio questo uno dei motivi di tanta avversione nei loro confronti.
Nonostante la loro terra non offrisse niente di più del necessario, ci furono nei loro confronti minacce, aggressioni, scorrerie, fino alla spoliazione finale. Perché?
Non ambivano a possedere le terre altrui, non avevano la stoffa dell’invasore, non erano una minaccia fisica per le ricchezze dei vicini, ma il loro modo di pensare era contagioso, e per di più non si facevano scrupolo di diffonderne i principi, ignorando e incrinando le tradizioni secolari con le quali venivano occasionalmente in contatto.
L’abitudine a confutare,
in base a semplici osservazioni, gli assiomi consolidati, la loro capacità di speculazione su ogni argomento, le libertà che si prendevano nel trattare con le genti, erano un pessimo esempio per chi faceva dell’autorità superiore l’unica detentrice della verità assoluta.
Al vecchio piace andare con la memoria a quel periodo turbolento, pieno di furore, di lotte, ma anche di grande creatività. Gli vengono alla mente alcuni dei suoi compagni più cari, ormai polvere nella polvere, così abili col cesello, con i colori, con uno strumento musicale, con i versi, e di come fossero lieti di donare gioia a chi avesse occhi per vedere e orecchie per sentire.
Già, bei tempi, però intanto la sua gente aveva perso tempo.
Mentre gli altri trovavano terre migliori, crescevano, erigevano palazzi e città, loro erano rimasti poveri, in quella lingua di terra aspra o salata a seconda del posto e del momento.
Nonostante le dicerie, la sua gente non aveva mai tenuto in gran conto il denaro. Anche quando si erano trovati in disaccordo tra loro, fino a giungere alla lotta fratricida, era stato sempre per tutt’altri motivi, per un pezzo di mare, per una donna, per una parola, per un principio.
Già, i principi… giusto quelli che i loro vicini adesso vantano come propri.
Li sente dalla sua baracca, intravede ogni tanto la loro città rumorosa e sfavillante, zeppa di ogni ben di Dio.
Tanto tempo fa, dove ora sorgono i lussuosi palazzi, non c’era praticamente niente, e quei “barbari” giunsero da loro a chiedere lumi, prima con le lusinghe e poi con la forza. Così, grazie a quei preziosi insegnamenti e all’avidità, i loro vicini si arricchirono, ma almeno portavano rispetto, se non alle persone, almeno alle loro opere. Poi anche quello pian piano si esaurì, sommerso dalla brama di ricchezza e potere, e oggi rimane solamente il disprezzo.
E’ vero, ogni tanto capita che qualcuno, anzi, più di qualcuno, capiti nei pressi del loro povero villaggio. Sono dei romantici che vanno cercando ciò che se ne è fuggito per sempre, oppure ammirano estasiati degli scheletri, ossa mitologiche di un essere divorato dal tempo.
Va bene lo stesso, pensò il vecchio, almeno lasciano un obolo, aiutano a tirare avanti, ma è dura immaginare un futuro quando ci si affida unicamente al passato. Che ne sarà delle prossime generazioni?
I suoi figli, e i figli dei suoi figli non sono stati all’altezza. Si sono dimostrati deboli, dissoluti, prodighi, finendo col dilapidare quel poco che c’era. La sua gente aveva smesso di farsi domande, di immaginare cosa nascondesse l’orizzonte o il buio, si limitava al pensiero quotidiano, quello di come riempire la pancia e svuotare lo scroto. E aveva contratto debiti, parecchi debiti, con quelli della città, e ora non aveva modo di ripagarli. Così si contorcono nel dubbio e nella disperazione, ma non ne vengono a capo, e il vecchio, pur nella sua collera per quel comportamento da stolti, ne prova una pena infinita.
Perché parte della sua ira è rivolta contro quelle pance prominenti che vengono a reclamare i loro soldi scuotendo le porte delle baracche, battendo i pugni su tavoli spogli, minacciando castighi e pretendendo di istruire la sua gente a diventare come un somaro, una bestia legata alla ruota di un mulino, destinata a macinare grano che mai potrà mangiare.
Questi palloni gonfiati, a casa loro amano farsi belli, non solamente con ori e drappi preziosi, ma anche sfoggiando una cultura ricercata, citando, molte volte a sproposito, le frasi che avevano elemosinato dal vecchio anni addietro. Essi, più delle loro religioni, fanno mostra di amare l’etica, si definiscono eredi e testimoni di una civiltà libera e individualista, e fingono di ignorare che devono tutto ciò a coloro ai quali stanno spremendo il sangue.
Ogni debito va saldato, ma se ognuno di quei porci arricchiti, per ripianarlo, rinunciasse solamente a una frazione di ciò che gli è superfluo, neanche se ne accorgerebbe. Il drammatico debito della sua gente verso la città è, per essa, irrilevante, specialmente in confronto a quello, mai pagato, che la città ha con chi ne ha ascoltato i primi vagiti, l’ha accolta nel mondo, l’ha istruita e le ha fornito i mezzi per svilupparsi degnamente.
Ma se l’opulenta città non rinuncerà a comportarsi da strozzino e pretenderà la sua libbra di carne, allora avrà ucciso sua madre, la sua nutrice, la sua guida, e, quando sarà il momento, perché prima o poi verrà il momento, non troverà più le basi per sostenersi, l’armatura per difendersi, un pilastro per ancorarsi, il soccorso di una parola immortale e onnicomprensiva.
Il vecchio fissa in direzione della città. Non riesce a vederla distintamente ma, anche da quella distanza, ne sente il puzzo.
Lui è l’unico rimasto di quella antica stirpe, è il testimone destinato a portare agli dei dell’Olimpo il risultato di quell’ultima contesa. L’impresa che non riuscì a troiani, persiani, macedoni, romani, bizantini, veneziani, turchi, forse riuscirà a colei che di Creta fu la prima regina: Europa.
Dove tutto iniziò cinquemila anni fa, ora tutto finisce.
Ingrata.

.

Pubblicato su Info, Prosa, Vita. Leave a Comment »

Verona Tessile 2015

Fmtech Award

DALLO STORDIARIO

SOLITUDINE COSMICA

La pozzanghera. (Riflessioni brevi post anniversario)

Gatto Atlantico

Va detto che per quanto possa essere banale gli anniversari sono momenti di passaggio nel cammino; il momento in cui ti appoggi su qualche sasso del ciglio della strada e prendi fiato. Bevi dell’acqua. Con la mano sulla fronte sbirci verso il sole.

E poi dici di nuovo: andiamo.

A volte non importa la meta. A volte la meta è il cammino stesso.

Ma forse non potrebbe dire la stessa cosa la bella pianta viola appoggiata a Monti, su quel piccolo monte d’asfalto grigio, che l’altro giorno mi ha chiesto aiuto all’improvviso.

Quel 21 giugno come sempre di fatica.

Una parentesi consueta tra il 20 e il 22. Tra il primo e il dopo.

Il mio momento consueto di sosta.

Per chi lo sa lo sa, per chi non lo sa è uguale: cosa importa un giorno della vita? Una data qualunque.

Allora prosegue il cammino. Con quel tanto di…

View original post 103 altre parole