E allora piango

Gatto Atlantico

Dove sei?

Dove sei che ti ho perduto qui, un giorno, seduta con la cornetta in una mano e il cuore nell’altra.

Dove sei che ti ho perduto qui quel giorno e ho perduto le parole i ricordi la mano posata sul mio collo.

Dove sei che ti ho perduto col tuo profilo sbagliato e schiacciato nei pensieri duri e tristi e infettati da putredini antiche.

Dove sei che ti ho perduto con i tuoi occhi accesi eppure non volevi.

Nemmeno io volevo ed era vero.

Io non volevo andare, parlare, venire, soffrire, sperare, urlare

E atrofizzare il cuore.

Mi guardo; guardo ogni momento della mia vita adesso; quella vita in cui ti ho perduto.

Mi guardo come dentro a un film; la protagonista abbraccia ride, gioca si arrabbia. Pensa. Pensa molto, pontifica, risolve, connette, litiga, sorride.

Si trucca si sveste suda.

Si guarda attorno, concede e rifiuta.

Dove sei…

View original post 80 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: