ANNA E LE SETTE MELE D’ORO

Anna vedendo ‘ste sette mele d’oro in fila dietro di sé, ognuna in attesa di potersi prendere la propria parte del suo corpo, si lasciò mangiare senza porre alcuna resistenza.
“Così – pensò rimembrando l’ava Eva – diventando io cibo per mela, e non mela cibo per me, potrei ribaltare le sorti dell’umanità compiendo l’azione contraria a quella indotta dal serpente. Anche perché qui intorno l’unico serpente che vedo è quello formato dalle mele che mi stanno rincorrendo. Così entro nel serpente ed elimino il peccato originale (forse)”.
Ma quella del peccato originale è la storia che ci hanno propinato e ancor non sappiamo se è vera o è tutto inventato. Neppure le sette mele d’oro ne avevano la certezza e, mangiandosi Anna con fatale ingordigia, fecero una grande indigestione gonfiandosi al punto di trasformarsi in tanti palloncini dorati.
E i palloncini che fanno? Volano in alto se sono leggeri…

View original post 203 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: