Effetto Eco

Gatto Atlantico

E mentre viviamo prigionieri di un paese illiberale, incapace di assorbire la realtà che esso stesso vive – come degli anticorpi impazziti che non riconoscono un organo vitale e tentano di distruggerlo (mi riferisco naturalmente alla legge sulle Unioni Civili) – io mi interrogo su una terra di civiltà che – pur tra guerre e ammazzamenti – ha inventato il diritto e ha visto fiorire arte musica e possibilità e che ora è totalmente distrutta da un punto di vista etico e culturale.
Orde di insipienti, di pressapochisti, di mangiapatatine che invadono le strade. E nessuno si senta escluso.
Io non mi sento esclusa.
Alla notizia della morte di Umberto Eco io mi sono sentita in colpa. In profonda colpa. Non è stato solo dispiacere perché il paese ha perso una grande mente e non vediamo sostituti.
Mi sono sentita in colpa per quello che sono stata in un lontano…

View original post 576 altre parole

Annunci

DEDICATO A MEL

Oggi è la giornata del gatto e voglio festeggiarla pubblicando un racconto dove lei, la mia Mel con la quale ho vissuto quattordici anni, è protagonista

Occhi di ragaTTa MEL

E chi meglio di LEI poteva rappresentare "IL GATTO" E chi meglio di LEI poteva rappresentare “IL GATTO”

ESSAOUIRA

Dedicato a Mel e a tutti i gatti del mondo

ESSAOUIRA finalmente!
Bramava quella città dopo averla ammirata nelle immagini di un programma casualmente seguito in una delle tante notti insonni trascorse tra divano e sedia davanti al pc.
Non sapeva spiegarsi per quale motivo era stata attratta. Forse il nome, forse la visione del mare, delle buganvillee in fiore, di quella casa color zafferano vista di sfuggita tra un’immagine e l’altra.
“Così piacevole, suggestiva e avvincente da attirare negli ultimi secoli poeti, artisti, artigiani e creativi di ogni mestiere. A Essaouira, l’antica Mogador, si trova tutto ciò che sogna un viaggiatore”. Diceva la voce narrante concludendo il servizio.
L’aveva prontamente cercata…

View original post 1.288 altre parole

E niente sale

Gatto Atlantico

A volte le parole implodono dentro e non riesci a farle uscire. Caotiche si sovrappongono si mescolano si agitano rifrullano si colorano.

L’impellenza si appallottola, si aggomitola si attorciglia e non si sbriglia. E tu rimani così, appesa e protesa, sospesa.

Indifesa.

Non resta allora che scrivere. Prendere la penna e scrivere. Accendere il pc e scrivere. Pure se è tardi, pure se l’infuso è ancora bollente. Pure se hai preso troppi caffè e la dottoressa ha detto: non devi. Non devi più.

E niente sale, mi raccomando.

Ecco, si doveva giungere a questo. A fare a meno del sale. A fare conto su tutto quello che già ti insaporisce. Che so, i capelli magari. O il viso ancora tondo.

O tutte le cose che hai imparato, i verbi che hai studiato, i luoghi che hai visto e dimenticato.

Che fortuna essere ancora qui, con tanto cloruro di sodio da…

View original post 89 altre parole

CONDIVIDERE L’AMORE TAG

Ma che bello questo Tag

CONDIVIDERE L’AMORE

award-share-the-love

Non ho quasi mai festeggiato San Valentino, non per snobismo, semplicemente perché non faccio caso a nessuna festa comandata né santa né profana. Per me se si vuol amare si ama tutto l’anno, così come si deve portare rispetto a tutto e tutti sempre!

E’ quindi un caso se partecipo a questo Tag proprio il giorno di San Valentino, il  caso lo ha deciso Belial del blog “La Corte”, che ringrazio con aggiunta di abbacio (abbraccio più bacio), per avermi nominata.

Le regole sono: scrivere il vostro obiettivo per portare tutti insieme l’amore nel mondo e condividere questo PREMIO con gli amici.

Il mio obiettivo lo porto in giro da tutta la vita ed è quello di amare il pianeta che ci ospita con tutte le sue creature

missionari

Per mantenerlo sano e non distruggerlo

Così no! Così sì!    Così no!                                           Così sì!

View original post 40 altre parole