Dario Fo e le coperte colorate di speranza

Gatto Atlantico

Lo spiegavo all’ortopedico ieri che per me camminare è indispensabile. Camminare a lungo, per ore e ore. Così ho scandito sempre la mia vita, i miei problemi, le mie riflessioni, le mie convinzioni, i miei sogni ad occhi aperti: gli unici che conservo gelosamente e di cui nego l’esistenza.

Bisogna sempre conservare degli spazi privati all’esistenza: quelli che non confesseresti mai nemmeno a tua madre, nemmeno al tuo grande amore.

Non so cosa stessi pensando ieri mentre camminavo, prima con Daniela e poi da sola. Doveva essere qualcosa di pesante. Nel senso proprio letterale del termine. Perché poi non ho dormito e mi sono coricata con questo masso sulle spalle.

Non so a cosa pensassi. Ma so cosa vedevo: ovunque coperte colorate. Cenciose. Stampate in modo improbabile.

Forse doni o scarti trovati dentro i cassonetti perennemente ricolmi di questa nostra città che è sempre più puzzolente, come prima del 20…

View original post 202 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...