I mercanti di Venezia

Diciamoci la verità, pagare scoccia un po’ a tutti, anche quando si tratta di cifre modeste che non ci manderebbero in rovina.
È di questi giorni la notizia che, dal mese di maggio, per entrare a Venezia sarà necessario pagare una sorta di biglietto di ingresso, e a tal riguardo ho avuto modo di registrare un ampio panorama di commenti, generalmente critici. Si va da coloro che definiscono tale decisione come un balzello, richiamandosi alla gabella di 1 fiorino del noto film “Non ci resta che piangere”, fino al versante opposto che ritiene la cifra richiesta fin troppo modesta, e perciò inutile allo scopo.
Prima di schierarsi sarebbe buona cosa avere almeno un’idea di quale sia lo “scopo”, ossia dove si vorrebbe andare a parare; da quel che si è riusciti a capire l’intenzione primaria è quella di colpire il turista “mordi e fuggi”, il turista che scende a Venezia per una sola giornata o anche meno.
Secondo gli amministratori locali il prezzo del biglietto (che potrà variare dai 6 ai 10 Euro a seconda del numero previsto di ingressi) dovrebbe scoraggiare il turista “autogestito”, ossia quella figura invasiva che consuma il masegno, ma che non consuma nei locali pubblici della città lagunare.
Appurata l’intenzione “mercantile” di tale politica mi permetto di nutrire più qualche dubbio sulla sua reale efficacia.
Vero è che la stragrande maggioranza dei visitatori di Venezia si ferma in città per una visita a volo d’uccello, o in occasione di qualche importante esposizione museale, ma se poi decide di ripartire in serata non lo fa per una particolare disaffezione, bensì perché il pernottare per un fine settimana a Venezia potrebbe comportare dei costi non esattamente “popolari”.
Per capire quanto peso avrà tale biglietto sulla scelta se visitare o no Venezia servirebbe mettersi nei panni del possibile turista, e per farlo cercate di seguirmi, con un po’ di fantasia, in questo ragionamento. Io non ho idea di quali possano essere le località o i monumenti che voi vorreste visitare più di ogni altra cosa, le piramidi, il Grand Canyon, la muraglia cinese, Machu Picchu, il Partenone, New York, la Polinesia, non importa, però sono certo che per la massima parte di voi si tratti di eventualità più che rare, direi uniche, e che se vi si presentasse la possibilità di andarci non fareste troppi i difficili per una decina di Euro di differenza. Parimenti per il grosso dei turisti che arrivano a Venezia, specialmente se stranieri, si tratta di un incontro eccezionale, sognato, mitizzato, arrivo a definirlo feticistico, dato che la storica città è stata, è, e ancora sarà scenario e protagonista di eventi mediatici che hanno fortemente colpito l’immaginario popolare.
Per queste persone che hanno speso centinaia, forse migliaia di euro per vedere (e toccare) “una volta nella vita” la Venezia dei loro sogni, quei pochi euro in più sarebbero molto meno fastidiosi delle inevitabili zanzare estive.
Allora che si fa, accesso libero come adesso oppure una tassa di ingresso fortemente selettiva?
Non saprei.
La situazione attuale è insostenibile. Ci sono momenti nella giornata durante i quali le calli attorno a Rialto sono letteralmente ostruite dalla massa di corpi vocianti, altre invece che si riducono a una sorta di suk dove Venezia, o quel che ne resta, viene smerciata un tanto al chilo. Quella massa di poveracci che si spingono, si intralciano, si accalcano, cosa mai potranno capire di quanto hanno attorno a sé?
All’opposto avremmo una presenza elitaria di visitatori, ovvero una sommaria selezione tra chi può e chi non può, il che farebbe di certo calare la pressione antropica sulla città, ma la trasformerebbe in un parco a tema per soli benestanti. Venezia perderebbe la sua secolare anima di accoglienza liberale verso tutti, aristocratici e plebei, papisti ed eretici, amici e nemici, terricoli e marinai, artisti e trafficanti, sognatori e disperati, per diventare una vecchia cortigiana imbellettata o, se preferite, una puttana d’alto bordo.
Quindi?
Quindi niente.
I turisti “mordi e fuggi” continueranno a illudersi di aver visto Venezia, magari brontolando un po’ per l’odioso balzello, e faranno finta di non accorgersi che quanto hanno dovuto pagare è assai meno di ciò che devono sborsare per il vaporetto, o per una gondola, o per qualche momento di ristoro in una suggestiva piazzetta.
Potrebbe sembrare che io sia contrario a questa tassa di ingresso, ma non è così. Più volte negli anni passati ho espresso l’auspicio che Venezia venisse considerata un museo a cielo aperto, e che come tale venisse trattata e mantenuta.
Ecco, siamo arrivati al nocciolo della questione: la manutenzione.
I veneziani lo sanno bene, la città si sta lentamente svuotando. Troppo cara la vita, troppa attenzione verso il profitto, troppo assente l’amministrazione, troppo costosi i lavori di restauro, troppe pastoie burocratiche, e se ci si trova ad abitare lontano dai percorsi turistici si deve far da sé quando l’acqua e la salsedine aggrediscono i vecchi edifici lungo i canali. Chi non ce la fa, oppure ha un lavoro sulla terraferma, preferisce vendere tutto e andarsene piuttosto che impelagarsi con restauri il cui esito si profila incerto, dipendente da limitate risorse e dalle ubbie di qualche zelante funzionario in carriera.
Quanto vorrei che una consistente parte del ricavato della tassa di ingresso andasse in un fondo destinato al sostegno della manutenzione ordinaria e straordinaria di edifici “invisibili” al turista medio, ma “vitali” per i veneziani che non dispongono dei sufficienti mezzi economici e di tutte le competenze tecnico-storiche per eseguire dei lavori, in questo caso come non mai, “a regola d’arte”.
E già che ho citato l’arte, torno al concetto di museo a cielo aperto.
Per entrare in un museo si paga un biglietto il cui prezzo varia in funzione della qualità e della rarità di quanto vi viene esposto, ma che sia un piccolo museo comunale oppure la Galleria degli Uffizi, a tutti viene richiesto implicitamente di mantenere un comportamento consono all’ambiente. Se andate a Parigi per divertirvi non potete pretendere di andare a far casino al Louvre, per voi sarebbe più adatta Disneyland, oppure qualche caratteristica brasserie del Quartiere Latino.
Lo stesso dovrebbe valere per Venezia.
In questo blog ho inserito alcune suggestive immagini di una notte di capodanno interamente trascorsa a Venezia passeggiando per le calli, ma andando per bacari, di ombra in ombra, sono capitato anche in zona San Marco. Era un macello. A parte la gente che, pur non essendo ubriaca, si lasciava andare alla sguaiataggini più assurde, si camminava su un greto di cocci di vetro, cartacce, bicchieri di plastica e avanzi di cibo. Sarò scemo io, ma ancora oggi non riesco a comprendere il senso di arrivare fino a Venezia per fare quel casino che si può fare comodamente a casa propria. In buona sostanza ne ho dedotto che si tratta dello stesso approccio di chi si diverte a deturpare i monumenti con scritte o sfregi.
Mi chiedo allora se un biglietto d’ingresso possa essere un deterrente efficace contro l’arrivo di tali acefali. Suppongo di no, perciò si ritorna alla solita conclusione, ossia che parte dei nostri problemi non derivi da una mancanza di soldi, bensì da una mancanza di cultura.
Eccola qui la tanto magnificata, auspicata, celebrata, esaltata, santificata cultura, quella stessa che ci permette il vanto di ben 54 siti definiti dall’UNESCO “patrimoni dell’umanità”, quella stessa che ci fa detenere (ma non sempre esporre) il panorama artistico più grande al mondo (soprattutto per estensione temporale), quella stessa che offre ai visitatori provenienti da tutto il globo terracqueo una miriade di borghi storici e tante città d’arte, quella stessa che possiamo ascoltare in una sala da concerto, ma anche alla radio, quella stessa che ha fatto innamorare Goethe, Stendhal, Hemingway, tanto per fare dei nomi, quella stessa che dovremmo difendere con le unghie e con i denti dal pressapochismo montante, dalla monetizzazione uber alles, dall’incuria indifferente e dall’idea di un paese cartolina da spacciare in ogni agenzia turistica.
Lo so che rischio di essere tacciato di fondamentalismo, ma dato che dal 2022 per entrare a Venezia sarà necessaria la prenotazione, mi augurerei che essa fosse nominativa, e che per i buzzurri, qualsiasi cifra essi possiedano in banca o in tasca, sia emessa una sorta di DASPO.
Più realisticamente mi accontenterei di un dettagliato opuscolo (in)formativo, nel quale OGNI visitatore, leggesse ciò che può fare e ciò che non dovrebbe fare, suggerimenti più che regole, istruzioni per l’uso onde evitare l’abuso, come farebbe un veneziano accompagnando l’ospite che arriva da lontano, orgoglioso di ogni monumento, ogni edificio, ogni calle, ogni scalino, ma geloso della sua integrità, morale prima ancora che materiale.
Perché di Venezia ce n’è una, una soltanto, e una deve restare. Soprattutto deve restare.

.

.

Annunci

Buon Natale e Felice 1984

Avete letto bene, ho scritto proprio 1984, e adesso ve ne spiego il motivo.
In questo post ho deciso di scrivere di politica (ma in fondo non lo faccio sempre?), e, per la precisione, di quel tormentone del rapporto deficit/pil italiano con la relativa procedura di infrazione europea.
La mia opinione è che sia stata tutta una colossale e ben studiata presa in giro. Quello che ancora non so è quanto siano stati complici o vittime i “rigoristi” europei, perché se veramente ci sono cascati devono essere proprio degli allocchi di prima categoria.
Torniamo a quel famoso numero, il 1984.
Se ben ricordate si tratta del titolo di un famoso romanzo di G. Orwell, una distopia pubblicata nel 1949 nella quale si immaginava una società futura dove il rigido controllo dell’informazione consentiva di manipolare le masse, ovviamente distorcendo oppure occultando la verità.
Tutto sommato penso che Orwell abbia solamente peccato di pessimismo, in quanto a forza di depistaggi, post-verità, social e sondaggi usati come randello, controllo informatico, profilazione e tracciamento, panico e rabbia alimentati ad arte, ci stiamo avviando a passo di lemming verso quel baratro.
Lasciamo perdere e torniamo al senso dei questo post, passando però per il testo di G. Orwell. Mi sono permesso di riassumere alcuni passi del romanzo.
Un giorno sui teleschermi (obbligatori il possesso e/o la visione) apparve la notizia che la razione di cioccolato sarebbe stata ridotta da 30 a 20 grammi, anche se il Ministero dell’Abbondanza aveva poco tempo prima preso il categorico impegno che nel corso del 1984 non ci sarebbe stata nessuna riduzione nel razionamento del cioccolato.
Il giorno dopo, sugli stessi teleschermi, passavano le notizie delle grandi manifestazioni di ringraziamento verso il Grande Fratello per aver aumentato la razione di cioccolato a 20 grammi.
Winston, il protagonista, rimase basito dal fatto che tutti si erano dimenticati che appena ventiquattr’ore prima era stata data la stessa notizia, ma nel senso di un calo della razione settimanale.
Vi chiederete che c’entra tutto ciò con le nostre faccende. È presto detto.
Gli accordi presi con l’Europa dai governi precedenti comprendevano un rapporto deficit/pil al 1,4%, e per qualche mese il governo, nella persona del ministro Tria, continuò a rassicurare i suoi interlocutori, magari suggerendo che si sarebbe potuti arrivare al 1,6%, questo fino alla bomba lanciata in settembre da Di Maio e Salvini, i quali annunciavano la decisione governativa di portare il rapporto deficit/pil al 2,4%
Apriti cielo!
Da tutte le direzioni cominciarono a piovere scomuniche, ammonimenti, anatemi, intimidazioni, condanne, reprimende, e chi più ne ha più ne metta.
Da quanto sono riuscito a capire, all’opposizione, contraria com’è ovvio alle decisioni governative, stavano a cuore i risparmi degli italiani. Un vero peccato che con le politiche condotte fino a quel momento i risparmiatori fossero al palo, ma solamente quelli ai quali le cose erano andate bene, mentre gli altri risparmiatori, quelli che si erano affidati a MPS, alle banche venete, alle banche toscane, alla Coop, erano alla canna del gas in quanto i loro risparmi si erano volatilizzati grazie anche alla colpevole disattenzione di chi si stava scandalizzando per le scelte del governo attuale.
Passiamo avanti.
Da quel settembre abbiamo assistito a un dialogo tra sordi. Per quasi tre mesi si sono detti di tutto: incoscienti, dementi, ubriachi, truffatori, impotenti, bugiardi, disonesti, ciechi, ricattatori, incapaci, affamatori, e altro ancora, sempre stringendosi la mano e sorridendo in favore dei fotografi.
E oggi? Ah, oggi tutti contenti perché si sono accordati per un rapporto deficit/pil al 2,04%.
I “rigoristi” europei cantano vittoria per aver riportato l’Italia a più miti consigli, ma dimenticano, o preferiscono far dimenticare, che il rapporto deficit/pil italiano non calerà dal 2,4% al 2,04%, bensì aumenterà dal 1,4% al 2,04%.
Esempio esplicativo. Immaginate di voler comprare qualcosa e di accordarvi col venditore per un prezzo di 1400€, e poi, quando state per pagare, quello vi chiede 2400€, direi che sarebbe un’assai sgradevole sorpresa. Ma se infine, dopo un tira e molla, lui vi dice è in giornata buona e che vi fa uno sconto per cui ciò che state comprando ve lo fa a “solamente” 2040€, lo definireste un buon affare del quale andare soddisfatti? Io direi di no.
Beh, invece proprio questo hanno fatto i cervelloni europei, non so se ubriachi, sciocchi o in malafede.
Il buon affare invece lo fanno Di Maio e Salvini, i quali, oltre a portare a casa il macinato, ossia la sostanza delle loro riforme di bandiera, faranno scattare i provvedimenti a marzo, giusto un paio di mesi prima delle elezioni europee. Immagino che in campagna elettorale “Reddito di cittadinanza” e “Quota 100” saranno il loro cavallo di battaglia, giacché potranno vantarsi di aver mantenuto le promesse elettorali, di essere i soli che sono riusciti a farlo pur avendo tutti contro, l’Europa, le banche, i poteri forti, i poteri deboli (PD), la stampa di regime, le manine, la massoneria, le plutocrazie, Scientology e il Movimento raeliano, e parleranno di cose fresche, appena avvenute, fatto molto importante in quanto, Orwell insegna, la “gente” è di memoria volatile.
Per mantenere quelle promesse è ovvio che saranno costretti a tradire quelle appena fatte ai “rigoristi” europei sforando quella fatidica soglia, ma anche in quel caso non c’è nulla di cui preoccuparsi (almeno per loro). A maggio si vota, e la mentalità della nuova dirigenza economica europea potrebbe essere più affine alle idee dei nostri due eroi, i quali contano sul fatto che l’austerità abbia stufato la maggioranza degli elettori del continente, e che gli occhiuti paladini dell’ordine economico dovranno trovare altri lidi dove applicare le loro commendevoli capacità contabili, o, per dirla alla Salvini, si leveranno dalle palle.
Morale della favola: passata la festa, gabbato lo Santo.

.

.

Canaglie

Immagine da: blogs.scientificamerican.com

Cos’è uno stato canaglia?
Se andiamo a fare un ricerca in rete se ne ricava che si tratta di uno stato la cui forma di governo ha aspetti autoritari, opera in violazione dei diritti umani, attenta, talvolta in maniera evidente e talvolta con mezzi subdoli, alla stabilità di paesi considerati “nemici”, detiene e ostenta sistemi in grado di provocare distruzioni di massa.
Detto ciò, provate a fare un elenco di stati simili, e suppongo che vi verranno in mente i soliti nomi, presenti e passati.
Forse non tutti si rendono conto di quante vittime, anche italiane, stia provocando il più potente stato canaglia del mondo: gli USA.
È innegabile che con Donald abbia fatto la comparsa una deriva autoritaria nella conduzione di governo. Che ciò sia dovuto al carattere, a una scelta politica, all’alzheimer ha poca importanza. Così è.
I diritti umani sono garantiti di nome, non di fatto, né per gli strati sociali più poveri del paese e men che meno per le popolazioni di stati autoritari “amici” degli USA.
Sempre nell’ottica di misurare tutto secondo la loro convenienza economica, gli USA hanno diviso il mondo in due categorie, quelli che fanno comodo e quelli che non fanno comodo, cercando in tutti i modi, leciti e soprattutto illeciti, di rovesciare i regimi di quelle nazioni “scomode”, e questo a prescindere dal loro stato di democraticità.
Quanto alle armi di distruzione di massa, immagino che l’arsenale nucleare sia al primo posto dei vostri pensieri. Però in tutte le nazioni che dispongono di tali armi
è diffusa una decisa riluttanza a farne uso, essendo ben consapevoli di quali sarebbero le conseguenze.
Da qualche tempo però si profila all’orizzonte, anzi direi che è già sopra le nostre teste, un altro sistema per sterminarci, e gli USA hanno deciso di premere il fatale bottone per la distruzione di massa. Si chiama riscaldamento globale del pianeta.
Anche se molte nazioni concorrono più o meno consapevolmente a questa tragedia planetaria, gli USA sono gli unici che se ne fanno un vanto, e si divertono a ridicolizzare i ripetuti allarmi degli scienziati, negando persino l’evidenza.
“Bisogna smetterla con questa costosissima cagata del riscaldamento globale”, questo è il concetto espresso più volte da Donald, e il dramma è che molti, troppi, americani prestano fede a quelle parole demenziali, ignorando che si tratta di una politica di bassissimo livello per favorire la grande industria americana, deus ex machina della nazione.
Badate, non è solamente l’innalzamento del livello del mare che deve preoccupare, bensì è lo sconvolgimento degli eventi climatici a fare i maggiori danni. Ne abbiamo avuto appena un assaggio quest’anno, e sarà sempre peggio.
Lo scioglimento dei ghiacci del polo Nord sta addolcendo le acque dell’Oceano Atlantico settentrionale, il che potrebbe far scomparire la Corrente del Golfo, con tutte le nefaste conseguenze sulle condizioni climatiche in Europa. Tanto che lo sappiate, Roma è alla stessa latitudine di Chicago, e Milano corrisponde a Montreal, in Canada, perciò dovremmo aspettarci lo stesso clima di quelle città, se non peggio ancora a causa della polarizzazione degli eventi meteorologici.
Quindi non limitatevi a maledire i fondamentalisti islamici, i suprematisti bianchi, i guerrafondai e i razzisti di ogni sorta, perché sul pennone della Casa Bianca invece della bandiera a stelle e strisce dovrebbe pendere uno straccio nero col teschio e le tibie incrociate.

.

.

E allora il PD?

Ce lo chiede l’Europa!
Appunto, ce lo chiede Lei, per il nostro bene, come farebbe una mamma.
Ci chiede di continuare a tirare la cinghia, e soprattutto ci chiede di non fare le cicale in pensione. Ragazzi, qua non ci sono più soldi per andare in pensione dopo quarant’anni di lavoro, e portate pazienza, perché se insistete a voler andare in pensione mettete in pericolo i risparmi degli italiani.
Ah, sì, ora ricordo, i risparmi degli italiani, quelli di Banca Popolare di Vicenza, di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, di MPS, di Banca delle Marche, di Cassa di Risparmio di Chieti, di Cassa di Risparmio di Ferrara, e dei soci COOP, sì, di quelli non ci dobbiamo preoccupare, tanto sono già sfumati, perché chi doveva vigilare sui risparmi degli italiani (gli stessi personaggi che si stracciano le vesti oggi) non hanno vigilato, e non voglio dire altro…
Dicevamo, ce lo chiede l’Europa.
Un momento, ma stiamo parlando della stessa Europa attenta ai conti, morigerata, austera, virtuosa, quella stessa che ci da lezioni di continenza?
Io non ne sarei tanto sicuro, giacché il parlamento UE a Bruxelles ha appena respinto un emendamento per riformare il trattamento pensionistico privilegiato degli eurodeputati.
Questi (dis)onorevoli, al raggiungimento della veneranda età di 63 anni (e non 67 come da noi) si portano a casa un assegno mensile per il quale non hanno mai versato un euro di contributi.
Ma, dico, questi non ci pensano ai risparmi degli italiani?
E allora il PD?
Di certo non c’hanno pensato gli eurodeputati targati PD Bresso, Chinnici, Costa, Cozzolino, De Castro, De Monte, Gentile, Giuffrida, Morgano, Panzeri, Paolucci, Picierno, Sassoli, Viotti, Zanonato, i quali hanno votato per respingere l’emendamento e per mantenere i privilegi.
Come se questa fosse una novità…

.

.

I soliti sospetti

Shining

Dal film “Shining”

Non sarà un granché il vice-vicepremier Giuseppe Conte, però è di quella razzaccia che va a leggere le righe scritte in piccolo, e che anzi si diverte a scriverne di altre ancora più involute. In poche parole è un avvocato.
Lo sapevate che gli avvocati non godono di buona fama, vero?
Nel film “L’uomo della pioggia”, con Matt Damon, raccontano questa storiella: che differenza c’è tra un avvocato e una prostituta? La prostituta, quando sei morto, smette di fotterti.
Ancora più cattiva è quella che recita Robin Williams nel film “Hook – Capitan Uncino”: ho letto di recente che adesso per gli esperimenti scientifici si usano gli avvocati al posto dei topi. Lo si fa per un paio di ragioni: la prima è che gli scienziati si affezionano molto meno agli avvocati, la seconda è che ci sono certe cose che nemmeno un topo di fogna farebbe mai.
Suppongo allora che pure l’avvocato Giuseppe Conte avrà qualche nemico, e ora, questo è sicuro, ne ha uno in più: Antonio Polito, vicedirettore del Corriere della Sera.
La storia è presto detta: durante l’esame del decreto fiscale, l’avvocato ha scoperto l’esistenza di un articoletto seminascosto che “qualcuno” aveva infilato a tradimento. Si trattava dell’articolo 23, “Disposizioni urgenti relative alla gestione liquidatoria dell’Ente strumentale alla Croce Rossa Italiana”, (circa 84 milioni di Euro, ovvero quasi 170 miliardi di Lire) del quale nessuno sapeva niente.
L’articolo clandestino è stato ovviamente stralciato dal decreto, e rimandato a un esame più approfondito, ma se “qualcuno” s’era preso la briga di scriverlo appare evidente che confidava nella proverbiale negligenza del lettore governativo. Chissà quante volte era già successo qualcosa del genere, e invece in questo giro hanno trovato quello pignolo…
Orbene, direte voi, che c’entra il Corriere della Sera in tutto questa storia?
Il fatto è che parte di questi soldi andavano alla struttura commissariale retta da Patrizia Ravaioli, già direttore generale della CRI, e oggi liquidatore, nonché moglie di Antonio Polito.
Ahi ahi ahi Giuseppe, ora mi sa che il bell’Antonio non perderà occasione di attaccare te e il tuo governo sul Corriere, e lo farà col dente avvelenato di chi è costretto a vendicare l’onore ferito della consorte.
Va da sé che queste mie sono soltanto illazioni, magari Antonio Polito si asterrà dal commentare ogni avvenimento politico per scongiurare il conflitto (coniugale) d’interesse, magari si dimostrerà olimpico, però, giuro, quando mi capita di vedere la sua faccia, la sua espressione, le sue movenze, mi viene da pensare che di lui non mi fiderei nemmeno se dovessi chiedergli un’indicazione stradale.
Auguri vice-vice, e guardati le spalle.

.

.

L’Europa e la pancia

Immagine da: wired.it

E così abbiamo sbagliato noi, noi elettori che non abbiamo premiato le politiche il PD, almeno secondo Richetti.
Sarà pur vero che il risultato delle ultime elezioni nazionali è frutto di un voto “di pancia”, ma non per questo si ci si dovrebbe scandalizzare, oppure paventare la fine della democrazia.
La pancia è importante, ce lo ricorda l’apologo dello stomaco e delle membra di Menenio Agrippa, concetti espressi 2500 anni fa, e per certi versi ancora attuali.
Quel tremendo leviatano chiamato “la gente” ogni tanto spunta da un mare procelloso per portare scompiglio, e lo fa seguendo ciò che gli dice la pancia, e se ci dice bene allora la società fa, come nel 1968, un balzo in avanti, se invece ci dice male abbiamo le adunate oceaniche.
Forse voi pensavate che l’anelito europeo degli italiani nei primi anni ’90 fosse frutto di acute speculazioni socioeconomiche o di asettiche valutazioni politiche? Assolutamente no, si trattava invece di un sentimento di pancia, altrimenti non si spiegano tutti i salti mortali che abbiamo dovuto, fideisticamente, compiere per entrare nella moneta unica europea.
Da parte mia godo di due opinabili vantaggi, una certa età e una precisa collocazione geografica, che mi consentono di essere stato testimone di eventi ignoti alla maggioranza degli italiani.
Noi si vive tra due confini, quello austriaco e quello sloveno (un tempo jugoslavo), e quindi ho potuto ben valutare le difficoltà che incontrano i possessori di una valuta debole quando si interfacciano con una nazione che ha una valuta forte.
Lo svalutato Dinaro jugoslavo permetteva gli italiani di fare gli americani in Istria e Dalmazia, spendendo e spandendo senza misura, mentre sloveni, croati e serbi arrivavano a Trieste per comprare beni introvabili nelle loro repubbliche, e che generavano un fiorente mercato nero.
Specularmente, quando noi si andava in gita a Klagenfurt ci si poteva concedere un cappuccino, un dolcetto, ma per tutto il resto erano dolenti calcoli di cambio tra il forte Scellino e la Liretta, e ai comuni mortali capitava spesso di rinunciare.
La moneta unica, pur non registrando una sufficiente armonia economica, ha portato la stabilità monetaria che ci è sempre mancata, almeno dal colpo di mano di Richard Nixon del 1971, il quale, pur di stampare i dollari che gli servivano per le armi, minò alla base il sistema di regolazione dei cambi internazionali di Bretton Woods.
Con la moneta unica sono finalmente finiti i giochini furbi che facevamo per agevolare le vendite del settore manifatturiero nazionale; niente più svalutazioni competitive che permettevano di esportare prodotti di qualità non sempre eccelsa, ingrassando chi si faceva pagare in valuta pregiata, ma penalizzando gli onesti lavoratori e i consumatori italiani.
Il meccanismo era semplice. Ipotizziamo un tasso di cambio 1:1 tra due paesi; mettiamo un prodotto nazionale del costo di 1000 Lire, per il quale la manodopera costa 500 Lire. Quando viene svalutata la Lira quello stesso prodotto costa all’estero sempre 1000 Lire, equivalenti però a 900 nella valuta straniera più forte, e quindi risulta conveniente.
Il venditore incamera i 900 in valuta pregiata, e quindi, compra le materie prime per la nuova fornitura, a un prezzo più caro ovviamente, e per restare concorrenziale ha necessità di una nuova svalutazione, quindi il prezzo all’estero del suo prodotto rimane basso, e intanto incamera alta valuta pregiata.
Alla fine il produttore italiano si ritrova a guadagnare, non solamente sulla vendita dei prodotti, bensì anche sull’incremento di valore della valuta pregiata che possiede, mentre i suoi dipendenti si ritrovano con le solite 500 Lire che valgono sempre meno e che impediscono loro l’accesso a beni che non siano di produzione nazionale, ovvero come prendere due piccioni con una fava.
Per questo e altri motivi non rinuncerei mai all’Euro e all’Europa, anche se so bene che per le stesse mie mansioni in Germania e in Francia verrei pagato di più, ma queste sperequazioni, in entrambi i sensi, non sono imputabili all’Euro, bensì al sistema paese. Per esempio, senza tirare in ballo i paesi scandinavi, la piccola Corona Ceca dal 2010 ha avuto oscillazioni non significative, e quindi, pur essendo fuori dall’Euro, il loro sistema paese ha garantito per il valore della valuta, un sistema paese che invece da noi, mi spiace dirlo, è ben lungi dall’essere accettabile, almeno per gli standard europei.
Vi chiederete il motivo di questo pistolotto noioso e deprimente.
Presto detto, si tratta di un richiamo al mio post precedente, quello sull’alimentazione.
Visto che si parla di pancia, sarebbe il caso di tenere sott’occhio ciò che buttiamo in pancia, perché va bene l’Europa, però per quanto io ci creda, non le ho staccato un assegno in bianco.
Come forse già saprete, nel Regno Unito la TESCO ha deciso di rimuovere la dicitura “Best before…”, tradotto “Da consumarsi preferibilmente entro il…”, da una settantina di generi alimentari confezionati.
Tanto per capirci, la TESCO è un colosso della grande distribuzione, attiva non solamente nel Regno Unito, ma anche in altri paesi europei e asiatici, e il suo fatturato è superiore a quello di COOP e SPAR assieme, quindi quando si muovono loro è ardua impresa fermarli. Non per caso già nel 2011 il DEFRA (Department for Environment Food & Rural Affairs) aveva dato parere favorevole alla soppressione della data consigliata di scadenza sui prodotti alimentari confezionati.
In buona sostanza nei supermercati inglesi vi potranno legalmente rifilare dei biscotti muffi, della lattuga marcia, dell’olio morto, dell’aranciata svampita, basta che il prodotto sia ancora “commestibile”.
Guardando come la clientela riempie i carrelli al supermercato mi capita spesso di notare che la data di scadenza o gli ingredienti siano informazioni ignorate dai più, in quanto contano il prezzo e la marca (meglio se vista in TV), perciò una simile politica nel resto d’Europa non avrebbe incontrato una grande resistenza, con l’eccezione dei pochi talebani come me, e pertanto mi sento di dire che, almeno stavolta, l’abbiamo scampata bella.
Sì, ci è andata bene grazie alla Brexit (non tutto il male viene per nuocere), e pertanto i sistemi di confezionamento della TESCO sono rimasti confinati al di là della Manica, ma non per questo motivo dovremmo abbassare la guardia.
L’azienda inglese si è mossa in tale direzione per favorire gli interessi dei grandi gruppi alimentari, aziende multinazionali che dispongono di un volume di fuoco impressionante, in grado di condizionare le scelte politiche di intere nazioni. Non è un caso che sia in corso da tempo una battaglia tra Italia e la Commissione Europea riguardante l’indicazione di origine dei prodotti alimentari. A un’informazione chiara ed esaustiva si oppongono i grandi gruppi, i quali vedono nella nostra libertà di informazione e di scelta un freno alle loro mire espansionistiche e al loro progetto di spacciare cibi di origine ignota come se fossero prodotti tradizionali. Non so voi, ma una conserva di pomodoro realizzata a Gmünd non è che mi vada troppo a genio, come pure potrei sospettare della caratteristiche salutari e organolettiche di un miele raccolto a Timisoara, e anche non troverei allettante l’idea di un formaggio latteria realizzato nella Rhur.
Ecco, questa è l’Europa che non mi piace, l’Europa dell’appiattimento verso il basso, della sudditanza ai poteri forti, l’Europa che si muove come un gigante cieco e sordo alle esigenze materiali della sua popolazione, e sono convinto che per questi e altri motivi più di qualcuno abbia votato con “la pancia”, premiando la Lega.
Da parte mia farò, come sempre, resistenza umana, spingendo al boicottaggio dei prodotti alimentari che non riportano l’origine in etichetta, in quanto questa informazione essenziale non sarà più obbligatori, ma nemmeno vietata.
Se stili di vita vorticosi, martellamento pubblicitario, cambio di costumi e disattenzione colpevole consentiranno alle grandi aziende di spacciare come buono del cibo di dubbia provenienza e incerta qualità, trasformando così la massa di consumatori in un branco di obesi coprofagi, sarebbe il caso di tenere bene a mente le parole del saggio Ludwig Feuerbach: l’uomo è ciò che mangia.
Auguri, e buon pro vi faccia.

Immagine da: nonciclopedia.wikia.com