Una bella novità

Evaporata

Comunicato ufficiale della Signora Angela Pierdicorcia Direttrice della

“Da giovedì 10 ottobre la commissione biblioteca di Godiasco Salice Terme si è arricchita grazie alla partecipazione di 3 nuovi membri: Antonella Angeleri, Michela Alessandra e Nadia Mogni” 🏆🏆🏆

View original post

Perché invecchiando odiamo la musica nuova?

ORME SVELATE

In ogni generazione gli adolescenti fanno i conti con dei genitori che ritengono la musica che ascoltano “solo rumore”, mentre gli adulti rimpiangono la musica che ascoltavano da giovani e continuano ad ascoltarla per sempre, come se il giradischi si incagliasse alla giovinezza di ognuno. Invecchiando, ascolteremo spesso persone della nostra età dire cose come “semplicemente non fanno buona musica come una volta”. Perché succede questo? Sappiamo che i gusti musicali iniziano a cristallizzarsi già all’età di 13 o 14 anni. All’età di 20 anni, questi gusti si bloccano abbastanza saldamente. In effetti, gli studi hanno scoperto che quando compiamo 33 anni , la maggior parte di noi ha smesso di ascoltare nuova musica. Nel frattempo, le canzoni popolari pubblicate durante la prima adolescenza probabilmente rimarranno piuttosto popolari nella tua fascia d’età per il resto della tua vita. Potrebbe esserci una spiegazione biologica per questo. Ci sono prove che la…

View original post 311 altre parole

La gentilezza di Franz Kafka

words and music and stories

453px-Girl_with_doll_German_ca_1800                    🎎 La gentilezza di Franz Kafka 🎎  (nato a Praga il 3 luglio 1883)

Un anno prima della sua morte, Franz Kafka stava passeggiando nei giardini berlinesi di Steglitz Park insieme a Dora Dymant, la sua fidanzata, quando vide una bambina che singhiozzava disperata. I due si avvicinarono e le chiesero se si fosse persa, ma la bambina rispose che non era lei, ma Brigida, la sua bambola preferita, a essersi persa.
Per consolarla lo scrittore le raccontò che Brigida era partita per un viaggio, ma che non si era dimenticata di lei, anzi le aveva già scritto una lettera. Purtroppo l’aveva lasciata a casa, ma il giorno seguente gliel’avrebbe consegnata
Rientrato a casa, si mise con impegno a scrivere la lettera nel tentativo per portare un po’ di sollievo a quella piccina sconsolata.

Il giorno seguente lesse alla piccola…

View original post 263 altre parole

Le tempeste emotive delle donne: una esperienza personale

Gatto Atlantico

Si avvicina l’8 marzo. Non credo molto alle celebrazioni e alle parole vuote. Credo però ai momenti di riflessione. Anche personali. Spesso parto da esperienze per esprimere dei concetti. Accadrà anche stavolta. Con l’avvertenza che quello che scriverò non nasce per colpire qualcuno. Ma per dare a tutti motivi di riflessione. A me, a “qualcuno”, a tutti noi.

Parto dalla vicenda della tempesta emotiva. Cioè del tizio a cui hanno dimezzato la pena perché ha strangolato a mani nude la compagna, in preda, appunto,  a una “tempesta emotiva”. Il giudice ora “si difende” (posto che trovo surreale che un giudice si debba difendere mediaticamente) dicendo che questa persona era particolarmente debole e fragile e quindi nel caso specifico l’attenuante era sensata.

Non conosco il caso, non mi sostituisco al giudice, non entro nel merito della vicenda. Entro nel merito della nostra cultura però. Del nostro humus sociale e culturale che…

View original post 1.080 altre parole

Quello che ho visto e sentito a Sanremo, tra canzoni e contaminazioni

Gatto Atlantico

Post musicale (più o meno). Andare oltre casomai

Vorrei lasciare alcune impressioni che mi restano su questa edizione del Festival di Sanremo, consapevole che tra una settimana tutto si spegnerà e resteranno solo le radio a mandare canzoni.

Ieri mattina però ero impegnata in un trasloco e tra andata e ritorno una era la canzone che già andava in giro: quella di Mahmood, “Soldi”. E ho pensato tra me e me che questo ragazzo aveva già vinto. Non pensavo mai che potesse farcela proprio per la vittoria finale, perché sapevo che la partecipazione popolare per sms avrebbe premiato persone con maggiore visibilità. In fondo Mahmood era un giovane esordiente, arrivato in finale per selezione. Uno come Ultimo invece, che fa i concerti allo Stadio Olimpico dopo un anno di carriera, è chiaro e banale che avrebbe preso più voti. Non ci poteva essere storia. Per fortuna il regolamento era fatto…

View original post 1.312 altre parole