Canaglie

Immagine da: blogs.scientificamerican.com

Cos’è uno stato canaglia?
Se andiamo a fare un ricerca in rete se ne ricava che si tratta di uno stato la cui forma di governo ha aspetti autoritari, opera in violazione dei diritti umani, attenta, talvolta in maniera evidente e talvolta con mezzi subdoli, alla stabilità di paesi considerati “nemici”, detiene e ostenta sistemi in grado di provocare distruzioni di massa.
Detto ciò, provate a fare un elenco di stati simili, e suppongo che vi verranno in mente i soliti nomi, presenti e passati.
Forse non tutti si rendono conto di quante vittime, anche italiane, stia provocando il più potente stato canaglia del mondo: gli USA.
È innegabile che con Donald abbia fatto la comparsa una deriva autoritaria nella conduzione di governo. Che ciò sia dovuto al carattere, a una scelta politica, all’alzheimer ha poca importanza. Così è.
I diritti umani sono garantiti di nome, non di fatto, né per gli strati sociali più poveri del paese e men che meno per le popolazioni di stati autoritari “amici” degli USA.
Sempre nell’ottica di misurare tutto secondo la loro convenienza economica, gli USA hanno diviso il mondo in due categorie, quelli che fanno comodo e quelli che non fanno comodo, cercando in tutti i modi, leciti e soprattutto illeciti, di rovesciare i regimi di quelle nazioni “scomode”, e questo a prescindere dal loro stato di democraticità.
Quanto alle armi di distruzione di massa, immagino che l’arsenale nucleare sia al primo posto dei vostri pensieri. Però in tutte le nazioni che dispongono di tali armi
è diffusa una decisa riluttanza a farne uso, essendo ben consapevoli di quali sarebbero le conseguenze.
Da qualche tempo però si profila all’orizzonte, anzi direi che è già sopra le nostre teste, un altro sistema per sterminarci, e gli USA hanno deciso di premere il fatale bottone per la distruzione di massa. Si chiama riscaldamento globale del pianeta.
Anche se molte nazioni concorrono più o meno consapevolmente a questa tragedia planetaria, gli USA sono gli unici che se ne fanno un vanto, e si divertono a ridicolizzare i ripetuti allarmi degli scienziati, negando persino l’evidenza.
“Bisogna smetterla con questa costosissima cagata del riscaldamento globale”, questo è il concetto espresso più volte da Donald, e il dramma è che molti, troppi, americani prestano fede a quelle parole demenziali, ignorando che si tratta di una politica di bassissimo livello per favorire la grande industria americana, deus ex machina della nazione.
Badate, non è solamente l’innalzamento del livello del mare che deve preoccupare, bensì è lo sconvolgimento degli eventi climatici a fare i maggiori danni. Ne abbiamo avuto appena un assaggio quest’anno, e sarà sempre peggio.
Lo scioglimento dei ghiacci del polo Nord sta addolcendo le acque dell’Oceano Atlantico settentrionale, il che potrebbe far scomparire la Corrente del Golfo, con tutte le nefaste conseguenze sulle condizioni climatiche in Europa. Tanto che lo sappiate, Roma è alla stessa latitudine di Chicago, e Milano corrisponde a Montreal, in Canada, perciò dovremmo aspettarci lo stesso clima di quelle città, se non peggio ancora a causa della polarizzazione degli eventi meteorologici.
Quindi non limitatevi a maledire i fondamentalisti islamici, i suprematisti bianchi, i guerrafondai e i razzisti di ogni sorta, perché sul pennone della Casa Bianca invece della bandiera a stelle e strisce dovrebbe pendere uno straccio nero col teschio e le tibie incrociate.

.

.

E allora il PD?

Ce lo chiede l’Europa!
Appunto, ce lo chiede Lei, per il nostro bene, come farebbe una mamma.
Ci chiede di continuare a tirare la cinghia, e soprattutto ci chiede di non fare le cicale in pensione. Ragazzi, qua non ci sono più soldi per andare in pensione dopo quarant’anni di lavoro, e portate pazienza, perché se insistete a voler andare in pensione mettete in pericolo i risparmi degli italiani.
Ah, sì, ora ricordo, i risparmi degli italiani, quelli di Banca Popolare di Vicenza, di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, di MPS, di Banca delle Marche, di Cassa di Risparmio di Chieti, di Cassa di Risparmio di Ferrara, e dei soci COOP, sì, di quelli non ci dobbiamo preoccupare, tanto sono già sfumati, perché chi doveva vigilare sui risparmi degli italiani (gli stessi personaggi che si stracciano le vesti oggi) non hanno vigilato, e non voglio dire altro…
Dicevamo, ce lo chiede l’Europa.
Un momento, ma stiamo parlando della stessa Europa attenta ai conti, morigerata, austera, virtuosa, quella stessa che ci da lezioni di continenza?
Io non ne sarei tanto sicuro, giacché il parlamento UE a Bruxelles ha appena respinto un emendamento per riformare il trattamento pensionistico privilegiato degli eurodeputati.
Questi (dis)onorevoli, al raggiungimento della veneranda età di 63 anni (e non 67 come da noi) si portano a casa un assegno mensile per il quale non hanno mai versato un euro di contributi.
Ma, dico, questi non ci pensano ai risparmi degli italiani?
E allora il PD?
Di certo non c’hanno pensato gli eurodeputati targati PD Bresso, Chinnici, Costa, Cozzolino, De Castro, De Monte, Gentile, Giuffrida, Morgano, Panzeri, Paolucci, Picierno, Sassoli, Viotti, Zanonato, i quali hanno votato per respingere l’emendamento e per mantenere i privilegi.
Come se questa fosse una novità…

.

.

I soliti sospetti

Shining

Dal film “Shining”

Non sarà un granché il vice-vicepremier Giuseppe Conte, però è di quella razzaccia che va a leggere le righe scritte in piccolo, e che anzi si diverte a scriverne di altre ancora più involute. In poche parole è un avvocato.
Lo sapevate che gli avvocati non godono di buona fama, vero?
Nel film “L’uomo della pioggia”, con Matt Damon, raccontano questa storiella: che differenza c’è tra un avvocato e una prostituta? La prostituta, quando sei morto, smette di fotterti.
Ancora più cattiva è quella che recita Robin Williams nel film “Hook – Capitan Uncino”: ho letto di recente che adesso per gli esperimenti scientifici si usano gli avvocati al posto dei topi. Lo si fa per un paio di ragioni: la prima è che gli scienziati si affezionano molto meno agli avvocati, la seconda è che ci sono certe cose che nemmeno un topo di fogna farebbe mai.
Suppongo allora che pure l’avvocato Giuseppe Conte avrà qualche nemico, e ora, questo è sicuro, ne ha uno in più: Antonio Polito, vicedirettore del Corriere della Sera.
La storia è presto detta: durante l’esame del decreto fiscale, l’avvocato ha scoperto l’esistenza di un articoletto seminascosto che “qualcuno” aveva infilato a tradimento. Si trattava dell’articolo 23, “Disposizioni urgenti relative alla gestione liquidatoria dell’Ente strumentale alla Croce Rossa Italiana”, (circa 84 milioni di Euro, ovvero quasi 170 miliardi di Lire) del quale nessuno sapeva niente.
L’articolo clandestino è stato ovviamente stralciato dal decreto, e rimandato a un esame più approfondito, ma se “qualcuno” s’era preso la briga di scriverlo appare evidente che confidava nella proverbiale negligenza del lettore governativo. Chissà quante volte era già successo qualcosa del genere, e invece in questo giro hanno trovato quello pignolo…
Orbene, direte voi, che c’entra il Corriere della Sera in tutto questa storia?
Il fatto è che parte di questi soldi andavano alla struttura commissariale retta da Patrizia Ravaioli, già direttore generale della CRI, e oggi liquidatore, nonché moglie di Antonio Polito.
Ahi ahi ahi Giuseppe, ora mi sa che il bell’Antonio non perderà occasione di attaccare te e il tuo governo sul Corriere, e lo farà col dente avvelenato di chi è costretto a vendicare l’onore ferito della consorte.
Va da sé che queste mie sono soltanto illazioni, magari Antonio Polito si asterrà dal commentare ogni avvenimento politico per scongiurare il conflitto (coniugale) d’interesse, magari si dimostrerà olimpico, però, giuro, quando mi capita di vedere la sua faccia, la sua espressione, le sue movenze, mi viene da pensare che di lui non mi fiderei nemmeno se dovessi chiedergli un’indicazione stradale.
Auguri vice-vice, e guardati le spalle.

.

.

Comodi e scomodi

Gatto Atlantico

Comodissimo prendere la proprio realtà e sistemarla intorno ad una finzione. Ad eliminare il non visto che ci urla dentro. Comodo far sparire i rumori molesti degli sbagli, delle cattiverie che non dovevamo fare, della coscienza che ci dice: così non vorresti fosse fatto a te.

Comodo è poi dare la colpa agli altri, individuare un nemico purché sia e farla pagare ad amici conoscenti amanti figli perché non ci riconosciamo allo specchio.

Comodo quando ci mascheriamo, barba, baffi finti, smussiamo gli angoli, lecchiamo ferite (non solo quelle a volta), raccontiamo favole storte. A noi stessi e agli altri.

Comodo diffamare, molestare, incespicare sui nostri dolori, attribuirli alla mala sorte, agli altri. Faceva caldo faceva freddo non ero io o era un parente lontano che mi somiglia ma solo di profilo.

Scomodo è chiamare le cose col loro nome, il dolore soprattutto.

Scomodo smettere di autocommiserarci.

Scomodo ammettere di aver…

View original post 108 altre parole

Sì Viaggiare

Gatto Atlantico

Quando qualcuno mi chiede: “come stai?” Io non riesco mai bene a spiegare. Non basta dire bene a volte. Soprattutto dopo aver attraversato la fatica e la complessità degli ultimi due anni della mia vita. Ero così stanca dagli strappi al motore, dal filtro intasato, che non riuscivo più nemmeno a sentire nulla. Ero lì imbambolata come il pugile al tappeto. Una volta – ricordo che era in gennaio – lo dissi alla persona con cui mi accompagnavo in quel periodo, cercando quell’aiuto che non sapeva darmi evidentemente.

E mi rispose: “e perché lo dici a me?”

Lo racconto serenamente. Anche perché questo non è un post sentimentale ma esistenziale. Parla di vita nel suo insieme. Quando finii al pronto soccorso con 200 di pressione e mi hanno portato a fare la tac in testa mi ricordo di aver pensato: se la sfango e non ho un ictus in…

View original post 320 altre parole