Appunti politici

Gatto Atlantico

Insomma, ormai è chiaro che il Movimento Cinque stelle si è venduto all’alleato e che questo incontro ha mostrato quello che abbiamo più o meno sempre detto in tanti: quel reclamare la fine di destra e sinistra andava a destra. Anche sui migranti il movimento è sempre stato ambiguo. Nella scorsa legislatura i deputati grillini venivano spesso frenati dallo stesso Grillo ogni qualvolta sembravano appoggiare qualcosa di sinistra o di civiltà. Mai dimenticare la vicenda delle adozioni delle unioni civili e il loro squallido tradimento. Ma va bene. So che esiste un’anima movimentista sincera, specie in certi militanti, al di là di una certa stizza e il loro continuare a tirar fuori il famoso “e allora il PD”, che non ho mai votato ma mantengo la lucidità per sapere che non si può dar a lui la colpa di anni e anni di governo feroce e di crisi endemica…

View original post 341 altre parole

Annunci

Ombre notturne

Mi si farà osservare che di notte le ombre non ci sono, perché non c’è luce.
A parte il fatto che è da un po’ che hanno inventato l’illuminazione artificiale, il titolo fa riferimento a un altro tipo di ombre, quelle venete.
Trattasi di comune bicchiere di vino rosso (il vino bianco non genera ombra) che in genere accompagna uno stuzzichino definito “cicchetto”.
Ma perché notturne?
C’arrivo.
Per Capodanno avevo organizzato tutto come al solito, ossia niente, e così, non avendo per la serata impegni predestinati, Rossana e memedesimo abbiamo deciso di prendere un treno per Venezia

Ecco il mio fido zainetto dove tengo macchina fotografica e ammennicoli utili all’uopo.

Era da tempo (circa 35 anni) che desideravo fare un lungo giro per Venezia dopo il tramonto, e allora perché non passarla lì l’ultima notte del 2018, tutta, fino all’alba? Va da sé che per (s)passarla bene non c’è niente di meglio di un’ombra di tanto in tanto, e già che c’ero ho scattato anche qualche fotografia. Devo dire che verso la fine della nottata le foto sono uscite un po’ sfocate, un po’ mosse, come se la mano e l’occhio fossero incerti, chissà poi perchè…

Buon 2019 (2020, 2021, 2022…)

.

.

 

 

 

 

 

Visibili trasparenze

E fuori piove continuamente e non vuole smettere. A me importa poco, io sto all’asciutto, mi vergogno soltanto di prendere l’abbondante colazione davanti all’imbianchino che proprio in questo momento sta sull’armatura sospesa davanti alle mie finestre e, furibondo per la pioggia che un po’ ha smesso e per la quantità di burro che stendo sul pane, spruzza i vetri senza che ve ne sia bisogno, e anche questa è soltanto fantasia e probabilmente egli si cura di me mille volte meno che io di lui. Adesso però lavora davvero sotto la pioggia torrenziale e nella tempesta.

Badate, non è farina del mio sacco. Si tratta di alcune frasi tratte da una lettera che Franz Kafka scrisse a Milena Jesenská durante un piovoso giovedì.
Ne ho sentito parlare nel corso di una dotta disquisizione sull’opera dello scrittore praghese, e sono rimasto colpito da come egli confessi il suo (immotivato) disagio per il solo fatto di stare al coperto, davanti a un’abbondante colazione, mentre fuori un poveraccio si trova a lottare contro gli elementi sociali e gli elementi della natura. A voler leggere oltre al testo si potrebbe percepire la vergogna di Kafka, quella causata dalla consapevolezza del godere di un immeritato privilegio quando ci si confronta con la vittima di quell’imbroglio.
Per separare lo scrittore e l’imbianchino non bastano le diversità culturali, nemmeno l’evidente sperequazione economica, e neppure il fatto che uno sia gravemente ammalato mentre il secondo magari gode di una salute di ferro, no, a separarli basta un vetro, ma essendo quest’ultimo trasparente rende insopportabile la separazione.
Per uno di quegli strani casi della vita mi trovai anch’io coinvolto riflessioni simili, anzi, trattandosi di vetro, le definirei diffrazioni, nel senso che un dettaglio lo ha attraversato, quindi si è moltiplicato e scomposto in cento direzioni, e ancora riverbera nella mia mente.
Badate bene, non mi passa nemmeno per l’anticamera del cervello l’idea di paragonarmi a Franz Kafka, anche se, va detto, nessuno oggi riuscirebbe a scrivere anche una sola riga che possa reggere il paragone.
Ciò che mi ha impressionato è stata la coincidenza del catalizzatore, un materiale talmente comune, talmente abituale, talmente scontato da essere praticamente invisibile: il vetro.
È proprio “Vetro” si intitola un mio vecchio articolo, nel quale ho cercato di dare forma leggibile alle mie impressioni, e al quale, se ne avete voglia, vi rimando.

.

.

Buon Natale e Felice 1984

Avete letto bene, ho scritto proprio 1984, e adesso ve ne spiego il motivo.
In questo post ho deciso di scrivere di politica (ma in fondo non lo faccio sempre?), e, per la precisione, di quel tormentone del rapporto deficit/pil italiano con la relativa procedura di infrazione europea.
La mia opinione è che sia stata tutta una colossale e ben studiata presa in giro. Quello che ancora non so è quanto siano stati complici o vittime i “rigoristi” europei, perché se veramente ci sono cascati devono essere proprio degli allocchi di prima categoria.
Torniamo a quel famoso numero, il 1984.
Se ben ricordate si tratta del titolo di un famoso romanzo di G. Orwell, una distopia pubblicata nel 1949 nella quale si immaginava una società futura dove il rigido controllo dell’informazione consentiva di manipolare le masse, ovviamente distorcendo oppure occultando la verità.
Tutto sommato penso che Orwell abbia solamente peccato di pessimismo, in quanto a forza di depistaggi, post-verità, social e sondaggi usati come randello, controllo informatico, profilazione e tracciamento, panico e rabbia alimentati ad arte, ci stiamo avviando a passo di lemming verso quel baratro.
Lasciamo perdere e torniamo al senso dei questo post, passando però per il testo di G. Orwell. Mi sono permesso di riassumere alcuni passi del romanzo.
Un giorno sui teleschermi (obbligatori il possesso e/o la visione) apparve la notizia che la razione di cioccolato sarebbe stata ridotta da 30 a 20 grammi, anche se il Ministero dell’Abbondanza aveva poco tempo prima preso il categorico impegno che nel corso del 1984 non ci sarebbe stata nessuna riduzione nel razionamento del cioccolato.
Il giorno dopo, sugli stessi teleschermi, passavano le notizie delle grandi manifestazioni di ringraziamento verso il Grande Fratello per aver aumentato la razione di cioccolato a 20 grammi.
Winston, il protagonista, rimase basito dal fatto che tutti si erano dimenticati che appena ventiquattr’ore prima era stata data la stessa notizia, ma nel senso di un calo della razione settimanale.
Vi chiederete che c’entra tutto ciò con le nostre faccende. È presto detto.
Gli accordi presi con l’Europa dai governi precedenti comprendevano un rapporto deficit/pil al 1,4%, e per qualche mese il governo, nella persona del ministro Tria, continuò a rassicurare i suoi interlocutori, magari suggerendo che si sarebbe potuti arrivare al 1,6%, questo fino alla bomba lanciata in settembre da Di Maio e Salvini, i quali annunciavano la decisione governativa di portare il rapporto deficit/pil al 2,4%
Apriti cielo!
Da tutte le direzioni cominciarono a piovere scomuniche, ammonimenti, anatemi, intimidazioni, condanne, reprimende, e chi più ne ha più ne metta.
Da quanto sono riuscito a capire, all’opposizione, contraria com’è ovvio alle decisioni governative, stavano a cuore i risparmi degli italiani. Un vero peccato che con le politiche condotte fino a quel momento i risparmiatori fossero al palo, ma solamente quelli ai quali le cose erano andate bene, mentre gli altri risparmiatori, quelli che si erano affidati a MPS, alle banche venete, alle banche toscane, alla Coop, erano alla canna del gas in quanto i loro risparmi si erano volatilizzati grazie anche alla colpevole disattenzione di chi si stava scandalizzando per le scelte del governo attuale.
Passiamo avanti.
Da quel settembre abbiamo assistito a un dialogo tra sordi. Per quasi tre mesi si sono detti di tutto: incoscienti, dementi, ubriachi, truffatori, impotenti, bugiardi, disonesti, ciechi, ricattatori, incapaci, affamatori, e altro ancora, sempre stringendosi la mano e sorridendo in favore dei fotografi.
E oggi? Ah, oggi tutti contenti perché si sono accordati per un rapporto deficit/pil al 2,04%.
I “rigoristi” europei cantano vittoria per aver riportato l’Italia a più miti consigli, ma dimenticano, o preferiscono far dimenticare, che il rapporto deficit/pil italiano non calerà dal 2,4% al 2,04%, bensì aumenterà dal 1,4% al 2,04%.
Esempio esplicativo. Immaginate di voler comprare qualcosa e di accordarvi col venditore per un prezzo di 1400€, e poi, quando state per pagare, quello vi chiede 2400€, direi che sarebbe un’assai sgradevole sorpresa. Ma se infine, dopo un tira e molla, lui vi dice è in giornata buona e che vi fa uno sconto per cui ciò che state comprando ve lo fa a “solamente” 2040€, lo definireste un buon affare del quale andare soddisfatti? Io direi di no.
Beh, invece proprio questo hanno fatto i cervelloni europei, non so se ubriachi, sciocchi o in malafede.
Il buon affare invece lo fanno Di Maio e Salvini, i quali, oltre a portare a casa il macinato, ossia la sostanza delle loro riforme di bandiera, faranno scattare i provvedimenti a marzo, giusto un paio di mesi prima delle elezioni europee. Immagino che in campagna elettorale “Reddito di cittadinanza” e “Quota 100” saranno il loro cavallo di battaglia, giacché potranno vantarsi di aver mantenuto le promesse elettorali, di essere i soli che sono riusciti a farlo pur avendo tutti contro, l’Europa, le banche, i poteri forti, i poteri deboli (PD), la stampa di regime, le manine, la massoneria, le plutocrazie, Scientology e il Movimento raeliano, e parleranno di cose fresche, appena avvenute, fatto molto importante in quanto, Orwell insegna, la “gente” è di memoria volatile.
Per mantenere quelle promesse è ovvio che saranno costretti a tradire quelle appena fatte ai “rigoristi” europei sforando quella fatidica soglia, ma anche in quel caso non c’è nulla di cui preoccuparsi (almeno per loro). A maggio si vota, e la mentalità della nuova dirigenza economica europea potrebbe essere più affine alle idee dei nostri due eroi, i quali contano sul fatto che l’austerità abbia stufato la maggioranza degli elettori del continente, e che gli occhiuti paladini dell’ordine economico dovranno trovare altri lidi dove applicare le loro commendevoli capacità contabili, o, per dirla alla Salvini, si leveranno dalle palle.
Morale della favola: passata la festa, gabbato lo Santo.

.

.